MrWallet.it

Ci sono due casi nella vita di un uomo in cui egli non deve speculare in borsa: quando non può permetterselo, e quando può

Che cos’è il trading su indici azionari?

Che cos’è il trading su indici azionari?

Abbiamo sentito mille volte al telegiornale la frase “oggi il mercato azionario è in rialzo o è in ribasso”? Ma che cos’è il mercato azionario?

Molto spesso, quando professionisti del settore o il telegiornale parla di “mercato”, parla di indici azionari. Con la crescente importanza del mercato azionario nella nostra economia, nella nostra società, i nomi degli indici come Dow Jones, SP500, CAC40 ecc… sono diventati parte integrante del nostro vocabolario.

Con questo articolo vogliamo spiegarvi cos’è il trading di indici e quali sono gli indici azionari, quali sono i vantaggi ma anche gli svantaggi di fare trading su indici e vi parliamo inoltre degli indici azionario principali.

Iniziamo subito allora il nostra scoperta nel mondo degli indici azionari nel trading. Tutti i trader o investitori sanno le abbreviazioni dei principali indici azionari mondiali, possono essere negoziati attraverso i Contratti per differenza (CFD). Un CFD su indici azionari non vengono solo analizzati, ma possono essere acquistati e venduti proprio come vengono negoziate le azioni.

Che cos’è un indice azionario?

Gli Indici azionario rappresenta il valore di un paniere di titolo di un paese e mostra le performance complessiva, attuale e storica di quel determinato indice azionario. Per esempio l’indice FTSE MIB rappresenta 40 aziende quotate presso la Borsa Italiana con la più alta capitalizzazione di mercato, mentre l’indice S&P500 rappresenta una vasta gamma di 500 società statunitensi.

Il primo indice fu creato da Charles Dow, era il maggio del 1986. L’indice Dow Jones includeva le 12 maggiori aziende degli Stati Uniti ad oggi l’indice contiene 30 delle più grandi aziende e influenti degli Stati Uniti.

Ogni borsa nel mondo e ogni paese ha un suo indice di borsa di riferimento, ma alcuni ne hanno vari di indici. Visto che è praticamente impossibile controllare tutte le azioni di ogni paese, gli indici azionario permetto agli investitori e ai trader di misurare la performance totale di un determinato mercato azionario o di un determinato paese. I professionisti economici, i politici e i vari analisti utilizza gli indici per capire il rendimento dei mercati finanziari e delle aziende in tali mercati.

Ma come funzionano gli indici azionari? Come già detto un indice azionario misura le performance di diverse entità come ad esempio, un gruppo di azioni a l’interno di un paese, come S&P500 dagli Stati Uniti, oppure un paese come l’indice tedesco il DAX 30 ecc, oppure un settore come l’indice Nasdaq che rappresenta titoli di aziende del settore tecnologico.

Il suo funzionamento è molto semplice, quando il valore di un indice azionario, che ricordiamo rappresenta il valore di un paese, gruppo o settore, aumenta o diminuisce, questo indica un andamento complessivo di tutti i titoli azionari a l’interno dell’indice. Quando il prezzo dell’indice azionario aumenta, aumenta anche il valore totale dell’indice. Lo stesso vale quando l’indice si sta diminuendo di valore, significa che il valore complessivo dell’indice sta diminuendo. La direzione dell’indice azionario, però non indica che tutti i singoli prezzi delle azioni stiano aumentando o diminuendo. La media di tutti titoli azionari possono diventare molto preziosi, ma mentre alcuni titoli azionari stanno aumentando, altri possono diminuire.

Perché negoziare indici azionari? Be! possiamo dire che sono un alternativa ad altri mercati economici. Sono molti i vantaggi che gli indici possono dare ad un investitore, scambio di movimenti del mercato azionario nel suo complesso, diversificazione istantanea rispetto al mercato azionario, puoi scambiare una serie di strategie in diversi periodi temporali, gli indici sono mercati affermati con una manipolazione dei prezzi minima possibile, opzioni di trading a lungo termine.

Ma come tutti i mercati economici, ci sono anche alcuni svantaggi del trading di indici, alcuni indici sono meno liquidi di altri mercati, come il forex, gli orari di negoziazioni sono limitati.

Come abbiamo detto già, ci sono indici azionari principali che sono:

Indici azionari europei popolari: Alcuni indici azionari principali includono FTSE100 Regno Unito, DAX in Germania, il CAC40 in Francia, FTSE MIB Italiano e lo Stoxx 50 che rappresenta una gamma di società in tutta l’Eurozona.

Indici azionari Asia-Pacifico: L’indice azionario giapponese è il Nikkei 225, poi c’è l’indice azionario Cinese SSE Composite Index e CSI 30 e infine l’indice azionario di Hong Kong HSI 50.

Indice azionario Australiano: L’indice principali in Australia è ASX 200

Indici azionario Stati Uniti: Gli Stati Uniti a vari e noti indici azionari che sono DJ30, SP500, NQ 100 (il famoso Nasdaq).

L’universo degli indici azionari, è affascinante sono molto importanti per comprendere le performance di un intero paese o di un settore, ha molti vantaggi per gli investitori.

Noi vi consigliamo di iniziare ad investire con gli indici azionari con i CFD, attraverso un conto demo, che ti permette di comprendere come si muovono nel mercato, senza dover rischiare i tuoi soldi. La maggior parte di questi conti demo vengono offerti dal broker, gratuitamente e sono senza limite di tempo.